COPPA ITALIA: IL ROCCA GIOCA, LA MAMERTINA PASSA!

582541_4150151766466_1733214428_n

01/09/2012

USD ROCCA – MAMERTINA 0-0 (3-4 d.c.r.)

Il brutto del calcio verrebbe da dire. Un Rocca ben messo in campo e apparso superiore agli avversari nell’arco dei 180′, alla fine deve arrendersi ai miracoli di De Francesco, ai pali, alle traverse e all’immensa sfortuna, dicendo subito addio alla coppa Italia. Certo, un’eliminazione brucia e pure tanto, ma vedendo giocare i biancazzurri, soprattutto nella prima frazione  con gli ospiti che si limitano a fare da sparring partner, davvero non si puo’ rimproverare niente se non la mancanza di cattiveria sottoporta. Per la gara odierna, mister Vicario con Venezia e Giacobbe in difesa propone Fazio per il claudicante Curasi’, centrocampo con Zingales, Truglio, Iuculano e Di Giandomenico, attacco con Cocivera, Maniaci e Onofaro. In porta, per chi non l’avesse notato, l’inoperoso Oreste Adamo. Mister Bontempo invece schiera il solito 4-3-3 con il rientrante Smiriglia sulla sinistra e Vicario dal primo minuto in avanti. Primo tempo di marca assolutamente biancazzurra con i giallorossi schiacciati nella propria meta’ campo e quasi mai capaci di creare occasioni da gol degne di nota. Al 2′ e’ subito Truglio a provarci: l’esterno destro, ottimamente servito da Zingales, spara alto. Al 3′ e’ il turno di Cocivera che con un tiro da fuori sfiora la traversa. Al 9′ Iuculano dalla sinistra mette in mezzo per Onofaro che pero’ non centra la porta. Prima dell’unica sortita dei mamertini che registriamo al 31′ con tiro al volo di Vicario, ci provano senza fortuna Iuculano e Maniaci. Al 33′ e’ Truglio a impegnare De Francesco: grande il colpo di reni del portiere ospite che toglie la palla da sotto la traversa. Al 37′, per la quarta volta in due gare, a mettersi tra il Rocca e il gol e’ la traversa: sfortunato nell’occasione Onofaro che da centro area, di testa, la becca in pieno. Nella ripresa, il calo di entrambe le squadre e’ davvero netto. Cosi’, prima di arrivare nel finale con gli ospiti che si chiudono in difesa con la speranza di giocarsi tutto ai rigori, si registra solo una mischia in area giallorossa al 79′, in cui e’ Truglio a sfiorare la sfera a pochi passi dal portiere. Si arriva cosi’ beffardamente ai calci di rigore in cui purtroppo a fare la differenza sono gli errori di Fazio e Cocivera. Al termine della gara, musi lunghi nello spogliatoio caprileonese ma anche tanta consapevolezza per i mezzi a disposizione. Da lunedi’ mister Vicario e i suoi ragazzi, siamo sicuri che tramuteranno la rabbia dell’eliminazione in voglia di vincere (sabato prossimo esordio di campionato a Cefalu’). (Domenico Belvedere)

Lascia un commento

*